Forme atipiche e nuove patologie dell’alimentazione

Esistono nel panorama clinico delle forme atipiche o subcliniche dei DCA (Disturbi Alimentari Non Altrimenti Specificati NAS) e sono caratterizzati da pensieri e comportamenti per certi verso sovrapponibili o identici alle forme classiche di Anoressia o Bulimia, ma non rispondono a tutti i criteri diagnostici, mancando ad es. il sottopeso grave, l’amenorrea o la frequenza delle abbuffate.
Manca spesso la consapevolezza del disturbo perché non rientrano nelle forme classiche più conosciute e divulgate e, per questo, chi ne soffre non riesce a dare un nome alla malattia e ricorre a soluzioni non funzionali al benessere.
Il pensiero ossessivo del controllo del corpo e del cibo viene spostato nella continua ricerca e offerta di soluzioni dietetiche errate.

Dall’altro si osserva l’emergere di nuove forme di sintomi alimentari, esempi possono essere la Vigoressia e l’Ortoressia.
La Vigoressia è l’ossessione per la perfezione del corpo, riguarda prevalentemente i maschi che si percepiscono sempre come troppo magri e poco muscolosi.
L’Ortoressia, invece, si riferisce all’ossessione maniacale per i cibi sani e scatta quando si passa da un semplice interesse per l’argomento a non poter più toccare una pietanza sulla cui provenienza non si abbiano certezze, modificando la propria alimentazione al punto da non avere quasi altro pensiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.